Aggiungi a preferiti / Condividi CanottieriSebino.it

Canottieri Sebino Tra Corgeno e Iseo


Agonismo puro e sfide di prestigio hanno avuto teatro a Corgeno, sede dei Campionati Lombardi nonchè ultimo importante appuntamento della stagione dedicato alle categorie Ragazzi, Junior e Senior. La società  ha schierato in acqua 16 atleti, per un totale di 12 equipaggi pronti a contendersi il titolo di Campione Lombardo 2011 in altrettante specialità.

Qui la coppia Davide Macario e Gabriele Bonomelli ha brillantemente conquistato il titolo di Campione lombardo 2011  nel 2- Pesi Leggeri  e, non contenta, ha portato a casa anche un terzo posto nella categoria del 2- Junior. La presenza biancoazzurra sul podio è significativa grazie alle ulteriori medaglie di bronzo guadagnate dal 4x Pesi Leggeri di Gabriele Tognola, Pietro Cipolloni, Daniele Sbardolini e Lorenzo Chiudinelli, e dal singolo Junior di Adriano Mascarino. Affollamento anche sul secondo gradino da parte della Canottieri, grazie all’ottima prova del singolista Pesi Leggeri, Paolo Ghidini, e quella del doppio Senior di Giuseppe Cerea e Matteo Macario, entrambe concluse con la conquista dei titoli di vice-campioni lombardi; e proprio rimanendo sull’argento registriamo la gara più bella dell’intera giornata, che vede protagonista il 4x Senior di Giuseppe Cerea, Paolo Ghidini, Matteo Macario e Adriano Mascarino. La gara è combattutissima, e il 4x della Sebino conclude in seconda posizione. Il CUS Pavia vince il titolo, precedendo la Sebino di soli tre decimi, mentre la Gavirate arriva terza, distaccata di quattro decimi dai loveresi.

 

Soddisfatto il coach Carlo Babaglioni, che vede già di per sé un ottimo risultato nel fatto che tutti gli equipaggi hanno avuto accesso alla finale.

E stata infatti buona la prova anche per le singoliste Silvia Agliardi, categoria Junior, e Daniela Chiarelli, categoria e Pesi Leggeri, che hanno affrontato entrambe delle avversarie di tutto rispetto conquistando rispettivamente il 5° ed il 4° posto. Presente anche il 7,20 della Cadetta Elena Balducchi, che termina in 4° posizione.

Il singolo Senior di Aristide Bonomelli ed il doppio Ragazzi di Alessandro Gatti e Federico Saloni giungono entrambi sesti, rispettivamente ad 8 decimi ed un secondo dai quinti classificati, mentre nel singolo Ragazzi si attesta all’8° posizione Simone Mascarino.

 

Pura passione e grande spirito di divertimento hanno invece prevalso sul lago d’Iseo, dove in contemporanea si svolgeva la prima edizione della Maratona del Remo.  La manifestazione, organizzata in abbinamento alla podistica “Maratona dell’acqua” secondo una formula di celebrazione ‘congiunta’ dello sport molto accattivante, si è rivelata una occasione unica di incontro tra le diverse ‘culture’ remiere del lago d’Iseo e non solo: le tecniche di voga più diverse, dal Kajak alla voga in piedi sino al canottaggio,si sono date appuntamento per fornire uno spettacolo di incomparabile fascino che andrà sicuramente riproposto, visto il successo ottenuto.

Il suggestivo percorso di 20,4 km, che si snodava fra gli angoli più belli del lago fra Montisola e Iseo, ha visto la partecipazione di 120 iscritti con 58 imbarcazioni. La Canottieri Sebino insieme al Comitato ha sostenuto da subito l’iniziativa collaborando alla sua organizzazione, ma ha voluto anche essere protagonista dell’evento portandovi dentro ‘in concreto’  tutto l’amore per il remo che la contraddistingue. Quattro gli equipaggi  composti da atleti, amici e appassionati del remo che si sono cimentati in questa sfida speciale e decisamente impegnativa: per tre di questi - il singolo di Elena Serioli, il doppio di Massimo Sangrigoli ed Ivan Corti, e il quattro di Federica Gotti, Simeone Belotti, Paolo Gabriello e Gianni Martinoli con timoniere Angela Fibik – è stata grandissima la soddisfazione di ottenere il primo posto in classifica nelle rispettive categorie, ma non solo: un plus di adrenalina ha collocato Il doppio ed il quattro rispettivamente primi e secondi nella classifica assoluta, con grande onore per i protagonisti che hanno potuto dimostrare la capacità di propulsione dei remi della Canottieri, anche in condizioni di lago difficili e sulla lunga distanza.

Non è mancata l’avventura al cardiopalma per il quattro jole di Riccardo Vender, Giuseppe Petrogalli, Angelo Zanotti e Claudio Guadagni, timoniere remante Matteo Pedretti, che si sono imbattuti in un tenace duello con gli amici della Clusanina dovendo solo all’ultimo ripiegare di fronte alla forza dello sfidante, ma tornando a casa con  nel cuore la gioia rara dei momenti di vera amicizia e sincera passione.

 

Niente di più consolante che questi sentimenti, per accompagnare il canottaggio loverese verso una  fine stagione che continuerà ad essere serena. Ciò nonostante l’ingiusta violenza inferta alla Società dagli  ignoti che nella notte di sabato 10, proprio nelle ore precedenti agli appuntamenti descritti, si sono accaniti contro la sede devastando i locali. Non sappiamo i motivi di un simile stupido e gravissimo gesto.  Sappiamo solo che chi l’ha compiuto non ha l’animo nè il cervello per poter  godere delle soddisfazioni di cui noi godiamo nel semplice gesto del remare.

 

Ufficio Stampa

Canottieri Sebino

(F.Pasinetti/E.Serioli)


Torna alla pagina precedente