Aggiungi a preferiti / Condividi CanottieriSebino.it

Festival dei Giovani


La tre giorni di festa del canottaggio giovanile ha visto infatti confermate le doti di due atlete che già dal primo appuntamento di Genova, passando per due Meeting sino ai più recenti trofei D’Aloja e Corti, non hanno mancato l’occasione di farsi notare sull’uno o sull’altro gradino del podio, spesso tra loro in alternanza, da brave compagne di squadra.
Si tratta di Matilde Fenaroli (Allievi B2) e Marta Biolghini (allicevi C), protagoniste in entrambe le gare disputate e pertanto titolari di due medaglie ciascuna. Matilde in singolo 7.20 tiene la seconda posizione nella gara di sabato in un finale di gara combattuto che ha visto le prime quattro classificate arrivare nell’arco di pochi decimi. Questo argento è una bella soddisfazione agonistica, ma il giorno dopo è ancora meglio: conquista infatti la prima posizione con un buon margine sulla seconda classificata.
Anche Marta migliora il risultato nei due giorni di prove: dopo aver conquistato la terza posizione nella giornata di venerdì in 7.20, domenica cambia specialità (singolo) e conquista la seconda posizione alla fine di un intenso finale di gara tra lei e le terze e quarte classificate.
Stimoli adrenalinici anche per gli altri cinque atleti partecipanti della formazione biancoazzurra che pur non avendo raggiunto piazzamenti di primo piano si sono distinti per la determinazione con cui hanno affrontato questo confronto impegnativo: gli allievi Valentina Laini (quinta e sesta posizione), Lorenzo Saloni (sesto), e Marco Cambieri (settimo), e i cadetti Matteo Gualeni (sesto) Stefano Giorgi (ottavo) che corrono anche in doppio posizionandosi quinti.
Per tutti il Festival, massimo evento giovanile dell’anno che ha celebrato il suo 25° compleanno, rappresenta in primo luogo un momento di sprone che - come è nello spirito del canottaggio - aiuta a guardare al proprio futuro di atleti con spirito sportivo e voglia di crescere nel confronto con  gli altri.
 

Ufficio Stampa Canottieri Sebino

(Federica Pasinetti)


Torna alla pagina precedente